Questo sito (compresi gli strumenti di terze parti utilizzati in esso) si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando a navigare su questo sito o cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie.

Shores Of Hope - Recensione su Rock Impressions

L’esempio dei ferraresi Stealth può calzare a pennello nell’esprimere al meglio il problema annoso, e credo a mio modesto parere anche irrisolvibile, dell’esterofilia italiana. Non è forse vero che nell’Hard Rock (e non solo) se un prodotto è straniero diviene concettualmente ed ipoteticamente più appetibile per un acquirente italiano? Se così non è, non capisco questo squilibrio di vendite, o meglio ne trarrei le conclusioni che noi italiani non sappiamo suonare questo genere. Ma in verità così non è, qui ne avete un esempio lampante. E si… perché “Shores Of Hope” è un disco accattivante, sporco e stradaiolo, con un pregio non trascurabile: l’eterogeneità.

Si formano nel 2007 da un idea del chitarrista Luca Occhi e nel 2012 producono un ep dal titolo “ Echoes From A Dark Lake Bridge”, qui in questo disco d’esordio presente nella sua totalità. Completano la band Enrico Ghirelli (voce), Matia Catozzi (chitarra), Andrea Rambelli (basso) e Marcello Danieli (batteria).

“Guns! Guns! Guns!” apre con energia e come una retta unisce senza diversivi di rotta, i punti groove ed adrenalina. La situazione si ripete in maniera più rilevante in “The Border”, grazie a degli assolo strumentali, semplici e Rock, maledettamente Rock. Il ritmo rallenta con “Ozone Fades”, non la tensione che resta alta, sporcata da una pennellata di oscurità Sabbatiana. Quando dicevo di eterogeneità, mi riferivo anche ai momenti più pacati alternati a questi più vigorosi, come accade in “Godspeed” o in “Black Century”. Uno dei riff più interessanti e godibili lo si ascolta in “Nuclear Warfare”, canzone che riesce a restare impressa nella mente.

Si respira aria Metal degli anni ’80, non marcatamente ma necessariamente ingrediente di un contesto che nell’insieme funziona. Uno di questi ingredienti è l’epicità che si estrapola anche all’ascolto di “Pharaoh”.

In conclusione “Shores Of Hope” è un disco di onesto Hard Rock, senza forzature, con buone vibrazioni ed altrettante energie. Di certo non un must, ma dimostratore di buona salute per un genere che, alla faccia dei corvi, non muore mai. Ed io con loro resto nel paradiso conclusivo di “My Heaven”.

MS - 14/04/2014
Leggi l'articolo originale